Davide Livermore

“E poi arriva luglio…e si va a Pesaro.
C’è Alberto, si lavora per lui.
Si lavora con lui.
Alberto insegna al mondo, da…Pesaro.
E il mondo si è arreso di fronte alla bellezza dell’arte di Gioachino. Alberto Zedda ce l’ha restituita.
Nella grande architettura del Palau de Les Arts in Valencia c’è una sala dove da quasi dieci anni tanti giovani cantanti diventano artisti. Questa sala si chiama Sala D, è il cuore del Centre di Perfeccionament Placido Domingo. In quella sala sotterrata a livello meno 3 Alberto faceva lezione, insegnava l’etica delle cose, il valore dell’arte, dello studio, dell’intelligenza che qualifica l’uomo in essere umano, il valore politico dell’arte, l’importanza della memoria, la memoria che crea identità per la società, e tutto questo spiegando Rossini.
La Sala D si chiamerà Alberto Zedda…ti scrivo a frammenti, emozionato.
Alberto, grazie.” Davide livermore