Frasi sui registi

Il regista Dario Fo

La Gazzetta: Dario Fo reinventa le trovate più brillanti e divertenti della Commedia dell’Arte per innalzare un inno all’erotismo e alla bellezza femminile attraverso il gioco elegante e raffinato della comicità rossiniana.

Il Barbiere di Siviglia: Luca Ronconi conferisce all’abusata comicità rossiniana una dimensione onirica, sospendendo azione e personaggi in uno spazio oscillante fra cielo e terra con un impianto scenografico astratto e coinvolgente.

Tancredi: Pier Luigi Pizzi ricama classicamente la levità del capolavoro del Rossini apollineo,  ma lo carica di passione e di prorompente giovinezza.

L’equivoco stravagante: Emilio Sagi, situa una vicenda di goliardica comicità in un contesto ambizioso e attuale, promuovendola a spassoso emblema di un consumismo caciarrone.

Il Turco in Italia: Guido de Monticelli racconta con mano leggera l’inquietudine dell’evasione, cogliendo l’intrigante altalena fra riso e pianto di cui Rossini fa sfoggio in questa commedia tanto buffa quanto seria.

La Cenerentola: Luca Ronconi, con una scenografia impattante, torna a situare nel mondo onirico della favola i personaggi che Rossini aveva vestito di panni terreni per dar spazio alle emozioni di un’invenzione musicale senza eguali.

Alberto Zedda

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi