Il Festival Mozart 2004

Gli amori d’Apollo e di Dafne. Produzione di Pier Luigi Pizzi. Festival Mozart 2004

Il Festival Mozart si svolge a La Coruña nei mesi di maggio e giugno e si articola in più sezioni, ciascuna delle quali sviluppa un tema definito. Il Festival incentra la sua specificità sulla vocalità, giacché il filone principale è dedicato al repertorio operistico compreso fra il barocco secentesco e il protoromanticismo del primo Ottocento, insistendo in particolare nell’esplorazione dell’onnivoro universo mozartiano. La scelta induce a quel linguaggio vocale idealizzante e artificioso che si suole definire Belcanto,  un linguaggio che per diventare espressivo e significante deve stupire con infinita varietà di coloriti e di prodezze tecniche, in equilibrio fra la passionalità dell’istinto e la razionalità del virtuosismo acrobatico.

Il Palazzo dell’Opera ospiterà gli allestimenti di maggior impegno, quest’anno orientati dal tema “El juego del amor” appartenenti al genere giocoso: L’elisir d’amore, di Gaetano Donizetti, che esplora con sorridente ironia il difficile rapporto fra una donna evoluta e benestante e un amante complessato; La donna del lago, di Gioachino Rossini, dove l’inquietante protagonista, prodromo di Melisande, Manon, Carmen, semina passione e morte con innocente perversione; La finta giardiniera, di Wolfgang Amadeus Mozart, briosa commedia che avvia l’opera buffa verso i traguardi “semiseri” della trilogia dapontiana.

Al teatro Rosalia, sotto il lemma “El amanecer del genio”, verranno allestite tre opere prime di Cavalli, Mozart e Rossini. Di Francesco Cavalli: Gli amori d’Apollo e di Dafne, capolavoro dal respiro monteverdiano costruito su uno splendido libretto di Giovanni Francesco Busenello, il librettista dell’Incoronazione di Poppea; di Mozart: Die Schuldigkeit des ersten Gebots, un dramma morale composto quando ancor non aveva compiuto dieci anni, con arie di inusitata dimensione e una scrittura vocale di alta virtuosità; di Rossini: La cambiale di matrimonio, una farsa rapida e intelligente che già mostra con infallibile esattezza i tratti costitutivi del suo credo d’artista.

All’attività lirica si affianca una serie di concerti solistici e con orchestra dedicati quest’anno a Il Virtuosismo strumentale:  Studi, Capricci, Concerti, composti per costruire una tecnica  eccelsa, dimostreranno che il virtuosismo dei grandi non è sinonimo di fredda esibizione funambolica e non castiga emozione e poesia.

I concerti vocali, in passato orientati verso il repertorio operistico e quello liederistico d’oltralpe, sono dedicati a una produzione vocale da camera eclettica, con accompagnamento di pianoforte ma anche di  formazioni strumentali cameristiche, organizzata in panoramiche nazionali, quest’anno di Spagna, Italia, Francia e Polonia, con privilegiata attenzione al repertorio del Novecento.

Alla musica moderna viene dedicato uno spazio importante: oltre a quella presentata nei concerti vocali e strumentali, l’integrale dei quartetti di Bela Bartok conferma la vocazione del Festival a tenere vivo l’essenziale rapporto con l’attualitá.

Completano il programma concerti sinfonici e da camera nei quali si incontrano titoli ciclici, come i Concerti Grossi di Haendel e Corelli, pietre miliari del moderno sinfonismo, che verranno ripresi e sviluppati anche nei prossimi anni. Una citazione a parte merita la chicca della Missa Solemnis di Ludwig Van Beethoven, che con la sua enigmatica grandezza sempre crea evento.

   Alberto Zedda

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi